Florimar

Lavandula

Lavanda

La lavanda è una pianta molto rustica, perenne, sempreverde, di piccole dimensioni (raggiunge al massimo un'altezza di un metro). In estate produce moltissimi fiori, piccoli e fragranti, raggruppati in spighe. Esistono numerose varietà, la maggior parte delle quali resistenti al freddo, e vengono utilizzate in giardino, come siepi oppure a formare larghi cespugli. Volendo si può coltivare in vasi grandi, tenendo presente che è una pianta a crescita rapida.

Raccolta e conservazione

Tagliare i fiori in piena estate da utilizzare freschi o essiccati. Dopo la raccolta, che deve essere fatta raccogliendo l'infiorescenza con tutto il fusto, si fanno seccare in mazzi appesi a testa in giù, oppure si dispongono su un vassoio, e vanno messi in luoghi ventilati ed ombrosi, in quanto il sole scolorirebbe i fiori. Quando sono secchi si separa la spiga dal gambo e si conservano i fiori (che mantengono a lungo il loro profumo) in sacchetti di tela o in ciotole per profumare la casa.
I fiori freschi vengono invece utilizzati per estrarre gli oli essenziali.

Proprietà terapeutiche e benefici

La lavanda è utile contro il mal di testa causato da tensione, le coliche e l'irritabilità dei bambini, l'insonnia lieve.
Contro mal di testa, coliche, insonnia: versare una tazza di acqua calda su un cucchiaino di fiori di lavanda, lasciare in infusione per 10 minuti, quindi filtrare e bere all’occorrenza.
Utilizzare l’infuso di lavanda preparato come sopra indicato per detergere il viso.
Le inalazioni di infuso di lavanda calmano il raffreddore, la tosse e hanno un'azione positiva per chi ha problemi respiratori.
I risciacqui con infuso di lavanda hanno un'azione disinfettante per la bocca e sono rinfrescanti per l'alito.
L'infuso di lavanda viene usato nell'ultimo risciacquo, quando si lavano i capelli, oltre che dare un profumo delizioso, aiuta a combattere i capelli grassi.

Curiosità

Il nome generico lavanda, con il quale siamo abituati a chiamare queste piante, deriva dal gerundio latino "lavare" (che deve essere lavato) per alludere al fatto che questa specie era molto utilizzata nell'antichità (soprattutto nel Medioevo) per detergere il corpo. I Greci e i Romani la amavano particolarmente: la adoperavano per bagni profumati e la spargevano inoltre sui pavimenti per allontanare gli insetti e deodorare gli ambienti.
La lavanda è stata ed è l'elemento base per la preparazione dei pot-pourri per profumare la casa fin dal lontano 1700.
La spiga è considerata un amuleto contro le disgrazie ed i demoni, e si dice che sia anche un talismano per portare prosperità e fecondità. La lavanda è anche il simbolo della virtù e della purezza dell'anima ed è l'essenza astrale del segno zodiacale dell'Ariete.
I fiori di lavanda, contrariamente a tante altre specie, conservano a lungo il loro aroma, anche se secchi. È infatti consuetudine mettere dei sacchetti di tela o di mussola nei cassetti per profumare la biancheria.
Florimar

Le varietà

Lavandula angustifolia
Lavandula angustifolia
Nota anche con i nomi lavanda officinale, lavanda vera o spico, è la varietà più comune del genere lavandula ed è diffusa in tutto l’area del Mediterraneo. Esistono decine di cultivar di lavanda angustifolia impiegati per composizioni floreali, per produzione di olio, per l’uso ornamentale o nel giardinaggio.
Lavandula angustifolia ‘Hidcote’
Lavandula angustifolia ‘Hidcote’
Sottovarietà della lavanda angustifolia che si distingue per la fioritura di colore viola-blu tendente al porpora.
Lavandula dentata var. dentata
Lavandula dentata var. dentata
Varietà molto decorativa e facilmente riconoscibile dall’aspetto dentellato delle sue foglie. Si tratta di una varietà prevalentemente coltivata e destinata alla profumeria, raramente si trova allo stato selvatico, può raggiungere al massimo il metro di altezza. È molto apprezzata anche come varietà ornamentale data la fioritura prolungata e ripetuta durante l’arco dell’anno.
Lavandula Goodwin Creek
Lavandula Goodwin Creek
Nome botanico Lavandula x ginginsii, è un ibrido tra Lavandula dentata e Lavandula lanata. Si distingue dal particolare aspetto delle foglie di colore grigio-verde, leggermente dentellate e ricoperte da una sottile peluria.
Lavandula Stoechas
Lavandula Stoechas
Detta anche lavanda selvatica, lavanda marittima o stecade, deve il suo nome botanico all’antico nome delle isole di Hyères, Stoichades, nelle quali questa specie è molto diffusa. Comune e originaria dell’area mediterranea questa specie è caratterizzata da una spettacolare fioritura che unisce alla tradizionale spiga, tipica del genere Lavandula, un coronamento composto da un gruppo di 2-3 bratee molto ornamentali e simili a petali, con colorature dal rosa al blu-porpora a seconda delle numerose sottospecie.
Florimar

Uso in cucina

Normalmente la lavanda è poco usata per scopi alimentari. Viene però usata per aromatizzare il vino bianco e l'aceto, per preparare gelatine, e per aromatizzare i dolci. I fiori inoltre si possono utilizzare per profumare lo zucchero nella preparazione di dolci e biscotti. Le foglie si possono impiegare per profumare l’agnello arrosto.
Molto particolare e profumato è il miele di lavanda, molto adatto per curare le affezioni broncopolmonari.
Florimar

Le ricette